Santo Stefano di Cadore

Santo Stefano di Cadore, cuore storico del Complico, sorge dove il torrente Padola si unisce al Piave, con le vette del Monte Tudaio, del Crissin, dell’Aiarnola e del Pupera a dominare il panorama.

Offre numerose opportunità a chi ama gli sport invernali, terra natale di campioni dello sci da fondo come Maurilio De Zolt e Silvio Fauner, qui si può praticare sci nordico e alpino lungo i percorsi della zona.

Chi trascorrerà a Santo Stefano di Cadore le vacanze estive avrà a disposizione innumerevoli percorsi escursionistici lungo i camminamenti della Valgrande e della Val Pupera.

Da vedere

La chiesa intitolata a Santo Stefano, eretta nel XIII secolo, e in frazione San Pietro di Cadore il Palazzo Poli de Pol, risalente al XVII secolo e sede del comune..

Come arrivare a Santo Stefano di Cadore

Dall’autostrada A27 Mestre-Belluno, si esce al casello di Pian di Vedova, da dove si imbocca la SS 51 procedendo verso Cortina d’Ampezzo. Da Tai di Cadore, si seguono le indicazioni per Auronzo-Sappada per giungere a Santo Stefano di Cadore.

Recapiti utili

Informazioni Accoglienza Turistica di Santo Stefano di Cadore
Piazza Roma, 37 – 32045 Santo Stefano di Cadore (BL)
Tel. 0435 62230

.